COVID-19

Ciao care mamme e future mamme, sto raccogliendo materiale sul virus e prove scientifiche sui suoi effetti in gravidanza per mamma e bambino.

In questa pagina puoi trovare collegamenti che fanno riferimento a fonti affidabili. Proverò a mantenere questa pagina aggiornata con le ultime notizie. Nel frattempo, suggerisco di partecipare all’incontro gratuito che ho organizzato per il 30 Marzo. Si tratta di un gruppo in Inglese chiamato Positive Birth Movement Oslo. Anche se in inglese, siete tutti invitati a partecipare (vi posso aiutare con la traduzione se avete bisogno). Ci sarò io e forse altri professionisti in grado di rispondere alle vostre domande.

Evidence Based Birth è una delle fonti più affidabili. Ha molti collegamenti e informazioni aggiornate con nuove evidenze scientifiche.

Evidence Based Birth

Aggiornamento informazioni a lunedì 16 marzo, dal sito Evidence Based Birth.

Qui potete trovare la situazione più recente secondo l’OMS, Organizzazione Mondiale della Sanità.

  • L’OMS ha pubblicato una guida il 13 marzo 2020: Gestione clinica dell’infezione respiratoria acuta grave quando si sospetta un’infezione da nuovo coronavirus
  • Esistono poche ricerche sulla presentazione clinica di COVID-19 in donne in gravidanza e bambini
  • Ci sono stati pochi casi di neonati con COVID-19 e il virus si è presentato in forma leggera
  • Finora, non ci sono prove di trasmissione da madre a bambino e quando i ricercatori hanno testato donne infette, i campioni di liquido amniotico, sangue cordonale, perdite vaginali, tamponi della gola neonatale e latte materno sono stati tutti negativi
  • Alcune segnalazioni di rottura prematura delle membrane, angoscia fetale e parto pretermine sono state segnalate quando le madri sono state infettate nel terzo trimestre
  • Il modo di partorire dovrebbe essere individualizzato e il cesareo usato solo quando è giustificato dal punto di vista medico
  • Le linee guida standard per l’alimentazione infantile devono essere seguite con le precauzioni appropriate per la prevenzione e il controllo delle infezioni. Queste linee guida includono l’inizio dell’allattamento al seno entro 1 ora dalla nascita e la prosecuzione dell’allattamento al seno esclusivo per 6 mesi, continuando l’allattamento fino a 2 anni o oltre. Le madri infette che allattano devono indossare una mascherina, eseguire un’igiene accurata delle mani, pulire e disinfettare tutte le superfici. Le madri infette dovrebbero comunque ricevere supporto all’allattamento. Se le complicazioni impediscono al genitore infetto di allattare al seno, dovrebbero essere incoraggiate e supportate nell’estrazione del latte per il neonato affinché qualcun altro possa aiutare con l’allattamento. Non ci dovrebbero essere promozioni di sostituti del latte materno (formula) o succhiotti.
  • “Alle madri e ai bambini dovrebbe essere permesso di stare insieme e di praticare il contatto pelle a pelle, la Kangaroo Care (marsupioterapia), di stare insieme e praticare il rooming-in, specialmente immediatamente dopo la nascita e durante l’allattamento al seno, indipendentemente dal fatto se i bambini hanno il virus o  solo si sospetta che lo abbiano”.

 

UpToDate® guida per i medici qui
  • Ci sono davvero poche informazioni sul COVID-19 in gravidanza
  • La trasmissione da madre a bambino durante la gravidanza o il parto non è stata identificata
  • Ci sono stati almeno 2 casi di neonati infetti documentati
  • Le donne in gravidanza sono più sensibili alle malattie infettive a causa dell’immunosoppressione durante la gravidanza
    • Altre infezioni respiratorie — (SARS)-CoV, (MERS)-CoV e influenza — hanno dimostrato di svilupparsi in una forma più grave nelle donne in gravidanza
  • Su 18 donne in gravidanza con infezione confermata o sospetta, non vi erano evidenze da laboratorio di trasmissione del virus al neonato

 

nuove ricerche da PubMed

Uno studio retrospettivo ha esaminato le caratteristiche cliniche e di CT scan (Tomografia Computerizzata) di 59 persone in Cina con COVID-19. Questo gruppo comprendeva 14 donne non gravide con infezione confermata in laboratorio, 16 donne in gravidanza con infezione confermata in laboratorio, 25 donne in gravidanza con infezione diagnosticata clinicamente e 4 bambini con infezione confermata in laboratorio (Liu et al.) 

  • Tutte le donne in gravidanza presentavano sintomi lievi. Nessuno è stato ammesso in terapia intensiva e nessuno dei bambini presentava anomalie o prove di trasmissione da madre a bambino.
  • Rispetto alle donne non in gravidanza, le donne in gravidanza (sia confermate in laboratorio che diagnosticate clinicamente) presentavano caratteristiche cliniche atipiche, rendendo difficile la diagnosi precoce. Era più comune per le donne in gravidanza avere una temperatura normale iniziale – solo dal 36% al 44% di esse  aveva la febbre. Ciò significa che la febbre potrebbe non essere uno strumento di screening utile per le donne in gravidanza.
  • Era inoltre più comune per le donne in gravidanza con infezione avere leucocitosi (aumento dei globuli bianchi) e elevato rapporto neutrofilo (un marker di infiammazione) rispetto alle persone non gravide con infezione.
 

Ricerche aggiornate a Lunedì 23 Marzo

 Il modo principale in cui il virus si diffonde è da persona a persona. Questo virus può essere isolato da secrezioni e feci respiratorie. Un nuovo studio ha scoperto che il virus è stabile sulle superfici per diversi giorni. Lo studio è stato condotto da scienziati del National Institutes of Health, CDC, UCLA e Università di Princeton ed è stato pubblicato il 17 marzo nel New England Journal of Medicine (van Doremalen et al. 2020). 
  • Il SARS-CoV-2 (il SARS-CoV-2 causa il COVID-19) è stato rilevato in forma aerea per un massimo di tre ore, fino a quattro ore su rame, fino a 24 ore su cartone e fino a due o tre giorni su plastica e acciaio inossidabile.
  • I risultati suggeriscono che le persone possono acquisire il virus attraverso l’aria e dopo aver toccato oggetti contaminati.

Un nuovo studio della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health di Baltimora, MD, conferma che il periodo medio di incubazione del nuovo virus è di circa 5 giorni, il che significa che circa la metà delle persone che contraggono SARS-CoV-2 inizierà a mostrare sintomi a quel momento.

Per quanto tempo una persona è contagiosa? Una revisione retrospettiva di pazienti adulti in Cina con COVID-19 confermata in laboratorio ha scoperto che la durata media della diffusione virale era di 20 giorni nei sopravvissuti. La durata più lunga osservata di diffusione virale è stata di 37 giorni (Fei Zhou et al. 2020). 

Ad oggi, non è stata pubblicata alcuna prova della trasmissione da genitore a bambino durante la gravidanza. I campioni di latte materno, sangue cordonale, placenta e liquido amniotico delle donne in gravidanza infette sono stati tutti negativi.

Finora, non ci sono prove che le donne in gravidanza siano maggiormente a rischio di infezione o di malattia grave con COVID-19 (sono considerate solo un “gruppo vulnerabile” a livello precauzionale).

 

Aggiornamento al 13 aprile

domande e risposte

Questa è una scelta profondamente personale, ma possiamo condividere alcuni fattori che potresti prendere in considerazione nella tua decisione di aspettare oppure no a causa della pandemia. In primo luogo, le donne in gravidanza non hanno maggiori probabilità di contrarre questo virus o di sviluppare gravi malattie con il COVID-19 rispetto agli altri adulti. La maggior parte delle donne in gravidanza infette presenterà solo sintomi di raffreddore/influenza lievi o moderati. Non sono state pubblicate segnalazioni di decessi materni. Non ci sono prove che suggeriscano un aumentato rischio di aborto con COVID-19. I ricercatori non sono ancora sicuri se il virus possa passare dalla madre al bambino durante la gravidanza; diversi bambini nelle serie di casi pubblicati sono risultati positivi subito dopo la nascita, ma tutti si sono ripresi senza complicazioni. Il virus non è stato rilevato nel sangue cordonale, nel liquido amniotico, nel liquido vaginale o nel latte materno.

L’IHME (Institute for Health Metrics and Evaluation) ha un ottimo sito web con previsioni per il COVID-19 per gli Stati Uniti (a livello nazionale e statale) e per i Paesi Europei. È possibile visualizzare l’utilizzo previsto delle risorse (letti ICU, ventilatori), decessi al giorno da COVID-19 e decessi totali da COVID-19.

Le loro proiezioni vanno fino all’1 agosto. I ricercatori affermano che questo è un modello della prima ondata dell’epidemia, dopo di che affermano che il 97% delle persone sarà ancora suscettibile alla malattia. I modelli presumono che il distanziamento sociale sarà attuato fino alla fine di maggio. Le previsioni potrebbero cambiare se le raccomandazioni sul distanziamento sociale fossero revocate prima di allora. Il modello presuppone inoltre che saranno prese le misure appropriate nei mesi di luglio e agosto per prevenire un’ulteriore diffusione della malattia, tra cui screening di massa, tracciabilità dei contatti, test di chiunque entri nel paese e quarantena di individui positivi.

Il CDC (Centers for Disease Control) raccomanda l’uso di respiratori N95 durante le procedure che causano la produzione di particelle aerodisperse. Tuttavia, c’è stato un disaccordo sul fatto che il momento della nascita del bambino (la seconda fase del parto) rientri in questo tipo di procedura.

Non abbiamo ancora alcuna evidenza pubblicata, ma le ricerche sono ancora in corso. La  Guida del Royal College di Ostetrici e Ginecologi (datata 9 aprile ) sconsiglia il parto in acqua per chiunque abbia sospettato o confermato COVID-19. Tuttavia, questa raccomandazione si basa sul rischio teorico, non su prove.
Il virus è stato rilevato nelle feci, quindi c’è il timore che l’acqua della piscina possa contaminarsi, aumentando il rischio di infezione per il bambino e gli assistenti alla nascita.

Secondo il CDC, “Non è stata finora confermata la trasmissione fecale-orale di COVID-19”. Il CDC continua dicendo: “Non ci sono prove che COVID-19 possa essere diffuso all’uomo attraverso l’uso di piscine, vasche idromassaggio o spa o parchi giochi acquatici. Il corretto funzionamento, la manutenzione e la disinfezione (ad es. Con cloro e bromo) di piscine, vasche idromassaggio o spa e campi da gioco acquatici dovrebbero inattivare il virus che causa COVID-19. “

Questo è il video più recente per i nuovi dati CDC, come manipolare cibo da asporto in modo sicuro e un modo sicuro di maneggiare alimentari dopo la spesa.

Se potete lasciate la vostra spesa fuori casa per 2-3 giorni. Se proprio non è possibile fate come nel video.

Birth Monopoly ha buoni suggerimenti

  1. Le doule non sono visitatori, sono persone di supporto essenziale e sono membri del team sanitario. Perché? Ma perché la loro presenza porta molti benefici alla madre e sull’esito della nascita.
  2. Ricordiamo sempre che è un diritto umano della donna che sta partorendo, decidere chi deve essere presente al parto, nonché un diritto federale di avere supporto, sia esso in persona o virtuale.
  3. Se la tua doula non è in grado di essere presente alparto, ora è più importante che mai fare una buona preparazione prenatale.
L’argomento di questo mese sarebbe stato “Com’è davvero la nascita?” ma onestamente, la situazione è tale che molti di voi sono alla ricerca di risposte al possibile scenario che ci attende nei prossimi mesi.
Quindi, voglio aprire il gruppo per discutere della situazione del coronavirus, pensieri, domande, preoccupazioni, ecc.
Dettagli dell’incontro
L’incontro è gratuito e virtuale su piattaforma Zoom.

Dove:
https://zoom.us/j/544710533

Link Zoom per partecipare:
https://zoom.us/j/544710533

Meeting ID: 544 710 533

Tu hai bisogno solamente di scaricare l’applicazione Zoom, se non ce l’hai, ma non è necessario registrarsi.
 
 

Tu meriti una guida esperta al tuo fianco in uno dei momenti più importanti della tua vita. Il “Natural Power of Birth” onora e rispetta i tuoi desideri, allo stesso tempo ti informa professionalmente di tutte le tue opzioni e ti dà il supporto emotivo di cui hai bisogno. Sono onorato di essere al servizio tuo e della tua famiglia.

Parliamo di come posso aiutarti a pianificare e preparare il prossimo passo del tuo viaggio!

Il primo incontro è sempre gratuito e non vi è alcun obbligo. Fai clic qui per pianificare una consulenza gratuita.

Con calore e rispetto, Tamara